Il Collegio vescovile

Il convento viene soppresso alla fine del 1700 e poi nuovamente ai primi del 1800, dai governi francesi e austriaci. Usato come tribunale e come carcere sia dagli austriaci che dagli italiani, fu noto per essere il centro di repressione di un movimento di brigantaggio che scosse la Bassa padana a metà '800, con oltre 400 giustiziati e 700 carcerati. Passato al Comune fu utilizzato prevalentemente come Collegio e scuola (ospedale militare nella I guerra mondiale) sino al 1922, quando divenne Collegio Vescovile. La chiesa, divenuta un annesso del Collegio, è stata usata come palestra.

Cartolina d'epoca, che riporta l'insegna del Collegio Vescovile, cessato nel 1975.

Share on:
short URL:

License