Icon of the Category "XVII Cent."Albergo dei Poveri Genova

Albergo dei Poveri

A monumental seventeenth-century complex built to house the poors of the city, partly reused today by the University.

An extraordinary example of public welfare service, built in the mid-seventeenth century with a big fundraising from the local oligarchy to create a gigantic phalanstery capable of over 5000 seats, in an era in which Genoa had less than 65,000 inhabitants.

Information curated by:
Isabella Rizzitano (2018-2022)

Geographic coordinates:
44.4173° 8.9291°

Open AtlasFor

Address:
corso carbonara

Tags:
#universit, #xvii-sec, #cooperativa.

Media available

Materiale di documentazione / acquerello

L'affresco del Garibbo rende l'idea dell'aspetto originale della facciata e del deterioramento che la stessa ha subito

Materiale di documentazione / foto

Foto dell'Albergo dei Poveri visto da piazza Brignole intorno alla metà dell'Ottocento

Contesto / L'Albergo e le Mura

L'apertura di Strada Nuova prima e Strada Balbi poi portò a un'espansione cittadina verso ponente. Negli anni delle grandi commissioni pubbliche, il lazzaretto viene posizionato nella valle di Carbonara, in una posizione di privilegio, soprattutto visivo. La costruzione viene realizzata tra le mura vecchie, non più in funzione, e la nuova cinta muraria difensiva.

Storia / Il progetto

Albergo dei Poveri, elevation principale, Coupe principale PI. 47 da M.P. GAUTHIER, Les plus beaux edifices de la ville de Genes et de ses environs, Paris 1818-32

Storia / L'Opus Publicum

L'albergo dei Poveri in un'incisione del 1838

Storia / La peste

Disegno del nuovo Albergo dei Poveri di Genova Copia di Michele Poggi (1874) da un’incisione perduta di Jean Fayneau su disegno di Sebastiano Monchio

Nel 1664 entrarono i primi ospiti: si trattava delle donne trasferite a Bregara. Tre anni più tardi vennero sistemati nelle nuove stanze anche gli uomini di San Girlomano e di Carignano. Nel 1666 il Magistrato dei Poveri pose fine all'amministrazione diretta dell'Albergo e nominò una Deputazione formata da quattro Rettori con compiti specifici. Tra loro anche Emanuele Brignole.

Architettura / la pianta

Pianta e alzato Albergo dei Poveri (pianta Barabino) Anonimo, 1835

Architettura / La scultura

Raffigurazione di Angelo Giovanni Spinola, statua in stucco Giovan Battista Barberini, 1625 – Collocata in una nicchia del ballatoio dello scalone di sinistra tra il 1671 e il 1673

Architettura / Il modello costruttivo

La pianta dell'Ospedale Maggiore di Milano, realizzato nel 1415 dal Filarete. La pianta a croce ricorda le sofferenze di Cristo, ideale rimando alle sofferenze dei poveri in un periodo in cui, in tutta Europa, vengono rinchiusi in istituti.

Progetti / I restauri

I lavori di restauro sono stati opera di Enrico Davide Bona, che ha presentato il progetto nel 1987. Nel 1991 l'istituto è stato ceduto in uso all'Università di Genova. Pochi anni dopo è stato avviato il primo intervento di rifunzionalizzazione con il recupero, tra gli altri, dell'Ex Oratorio delle Donne, oggi l'Aula Magna. La presenza dell'Università ha permesso all'Albergo di continuare le sue funzioni assistenziali, via via sempre più in diminuzione fino alla completa chiusura. Nel 2001...

L'interno dell'Albergo dei Poveri con le macchine destinate alla lavorazione dei filati

Particolari / L'altare del Pujet

L'immagine mostra l'opera di Schiaffino realizzato su progetto del Pujet.

Racconti / La scuola

Maschi e femmine ospitati all'Albergo utilizzavano la divisa ampio colletto bianco inamidato per tutti, mentre per le bambine era aggiunta una cuffietta rossa.

Racconti / Emanuele Brignole

Giovanni Bernardo Carbone (Genova, 1616 – 1683), Ritratto di Emanuele Brignole, fondatore dell’Albergo dei Poveri, olio su tela

Learn more

Structured Data

Wikidata has structured data about Albergo dei Poveri.
Wikidata logo

License

Share on

Permalink: