Dante and Branca Doria @ Piazza S.Matteo

Of Gustave Doré

explore the map

Dante and Branca Doria

In the 37th song of Inferno, of Dante’s Divine Comedy, appears Branca Doria, guilty of killing Michele Zanche, father of his bride. Branca’s betrayal led Dante to place his soul in the circle of the Damned, together with Count Ugolino. In the Divine Comedy we read: "Tu 'l dei saper, se tu vien pur mo giuso: elli è ser Branca Doria, e son più anni poscia passati ch'el fu sì racchiuso».

«Io credo», diss'io lui, «che tu m'inganni; ché Branca Doria non morì unquanche, e mangia e bee e dorme e veste panni».

«Nel fosso sù», diss'el, «de' Malebranche, là dove bolle la tenace pece, non era ancor giunto Michel Zanche,

che questi lasciò il diavolo in sua vece nel corpo suo, ed un suo prossimano che 'l tradimento insieme con lui fece.

Ma distendi oggimai in qua la mano; aprimi li occhi». E io non gliel'apersi; e cortesia fu lui esser villano.

Ahi Genovesi, uomini diversi d'ogne costume e pien d'ogne magagna, perché non siete voi del mondo spersi?

Branca Doria, as Dante well knows, is still alive on earth: a demon has taken over his body while his soul is tormented by ice. The great poet closes the song with an invective against the Genoese.

Dante in Cocito in a picture of Gustave Doré

Events calendar:
Centri urbani

Share on:
short URL:

License