Il fantasma di un nucleo scomparso

Misobolo è citato sin dal XI secolo come riferimento per una regione definita, che forse inglobava Montalenghe, San Giorgio e San Giusto. Una vicenda di redistribuzione di terre, lotte tra città vicine e pestilenze indebolisce il suo ruolo e gli abitanti vengono redistribuiti tra i centri vicini. Dell’insediamento, del tutto scomparso per la parte civile, rimane una cappella con una pittura oggetto di devozione (poi divenuta Santuario nel XVIII secolo), meta di pellegrinaggi, come molti altri nell’area.

Cartolina storica dell’inizio del XX secolo raffigurante il santuario della Madonna di Misobolo a San Giorgio Canavese. Qui figurano anche le attività legate all’allevamento nella proprietà del santuario.

Share on:
short URL:

License