Icon of the Category "XX Cent."Ex Tobler Torino

Ex Tobler

Intervento dell’architetto Franco Cucchiarati, 2009. Riqualificazione in edificio residenziale di un ex-complesso industriale sito nel Quartiere Aurora.

«L'idea di recupero del patrimonio (in particolare quello industriale) comporta l'esigenza di un suo riuso di una rilettura in chiave contemporanea che ne ridefinisca valori e funzioni, per conferirgli una nuova autentica esistenza.» Franco Cucchiarati Il progetto rispecchia pienamente questa teoria: ponderato sulla facciata esterna con un intervento filologico sui primi due livelli e un inserimento di un livello di abbaini; coraggioso nella corte interna, con soluzioni dichiaratamente contemporanee.

Information curated by:
Giovanni Caci (2020-2022)

Geographic coordinates:
45.0817° 7.6894°

Open AtlasFor

Media available

In questa mappa possiamo vedere una serie di ex-aree industriale, molte delle quali oggi sono state riqualificate con importanti interventi di varia scala a e natura, alcune aree, invece, risultano ancora in attesa, ad esempio lo Scalo Vanchiglia.

È possibile osservare come davanti all’edificio, in particolare oltre Via Aosta, vi sia un enorme vuoto urbano in corrispondenza del Ponte Mosca, un vuoto oggetto di ricerche e concorsi che prevedono la costruzione di nuovi complessi di vario genere. Un vuoto che, forse, avrebbe solo bisogno di alcuni piccoli interventi per poter diventare un potenziale piccolo polmone verde della zona collegato al lungo Dora.

Fabbricato industriale della Società Gilardini, Variante di Pietro Fenoglio al progetto del 1907. Pianta generale, 1908, Archivio Storico della Città di Torino, Fondo Progetti edilizi, I cat. 1908 / 273.

Fabbricato industriale della Società Gilardini, Variante di Pietro Fenoglio al progetto del 1907. Facciata verso via Aosta, Sezione Trasversale A B, 1908, Archivio Storico della Città di Torino, Fondo Progetti edilizi, I cat. 1908 / 273.

Fotografie su via Aosta 8, prima dell’intervento di demolizione di parte del fabbricato industriale nel 1958 ad opera della Società Chocolat Tobler. Archivio edilizio della Città di Torino, Archivio 2 CAT, provvedimento n. 270 del 31-05-1958.

Sopra: stato pre-intervento. Sotto: lavori ultimati.

Sinistra: stato pre-intervento. Destra: lavoro ultimato.

Architettura / Una casa per ciascuno

Le abitazioni non possono più esser pensate solo in modo standardizzato, gli abitanti hanno esigenze differenti, le famiglie sono composte da membri differenti e sono molto varie sia in numero che in composizione. È necessario fare un salto non pensare ad «una casa per tutti» ma ad «una casa per ciascuno» come sosteneva nelle sue teorie Rogers. Questo progetto segue questa filosofia pensando l’edificio e l’abitazione a 360 gradi, una casa che rispetti i requisiti di sicurezza, di comfort d...

Architettura / Planimetrie flessibili

A livello planimetrico sono stati decisi solo due vincoli all’interno dell’appartamento, ovvero i bagni e la cucina, il resto è lasciato agli abitanti, possono decidere se preferiscono un unico openspace se preferiscono locali più piccoli, se vogliono o meno un soppalco se lo pensano come ripostiglio o come stanza a tutti gli effetti. Sono scelte che possono variare di volta in volta che cambiano gli abitanti o che si modificano le esigenze e i desideri degli abitanti. «Cambiano le famigli...

A sinistra, schizzo di progetto di Franco Cucchiarati. A destra, pianta dell’edificio, in azzurro la manica “storica”, in rosso, la “nuova”.

Fin dai primi schizzi di progetto i bow-window sono sempre presenti. « Inizialmente, essi vengono immaginati a diverse altezze sulle facciate, a creare un gioco di incastri tra pieni e vuoti secondo una logica apparentemente casuale, ma in realtà ponderata sulla base delle aperture esistenti». La forma geometrica che prevale in tutte le ipotesi e nel progetto finale è una forma semplice quadrangolare, allungata, accorciata e schiacciata. Dopo il 2007 con il cambio di proprietà ed il passaggi...

«L’architetto deve dare delle opportunità e poi ognuno deve poterle vivere un po’ come vuole.» (Studio cucchiarati)

Racconti / Abitare le stagioni

« “Vivo più la casa grazie alla sua luminosità” […] si spinge a sottolineare l’importanza di crescere il proprio bambino in un ambiente luminoso, dove la percezione dell’avvicendarsi del giorno e della notte si fa chiara ed evidente. […] Lo stesso avviene per i cambiamenti atmosferici o per il susseguirsi delle stagioni, con cui gli interni domestici entrano in stretta relazione, modificandosi con essi e assecondando le variazioni di luci e ombre che filtrano dalle vetrate al punto che “l’abi...

Note biografiche / Bibliografia

Francesca Civera, “Dalla fabbrica alla residenza, la metamorfosi dell’ex Tobler a Torino”, Celid, Torino, 2011. Sigla nel testo FC.

License

Share on

Permalink: